Telelavoro e Smart Work secondo La Repubblica

smart 2
Con una inchiesta di Luisa Grion il quotidiano La Repubblica affronta le differenze tra il "vecchio" telelavoro e il "nuovo" smart work. Le principali differenze vengono sintetizzate così: "il primo – introdotto in Italia una ventina d’anni fa – è meno flessibile, prevede una postazione fissa (il "vecchio" computer di casa), mansioni più ripetitive e una modalità di lavoro stabile: in passato era considerato il top per le mamme disposte a rinunciare alla carriera per lavorare dando un'occ...
Di più

Bassilichi: telelavoro in coworking per evitare i trasferimenti

spazi coworking
Firmato da poco dal gruppo Bassilichi un interessante  accordo di telelavoro in co-working  con le organizzazioni sindacali Fiom-Cgil e Fim-Cisl per la sede di Pisa, che l'azienda ha deciso di chiudere a fronte di una riorganizzazione dei servizi e della struttura produttiva. Ben 57 dipendenti avrebbero dovuto trasferirsi a Firenze. Invece trentacinque continueranno a svolgere la loro attività in città all'interno di una struttura di coworking. Si tratta di una interessante sperimentazion...
Di più

Il regolamento sul lavoro agile nella PA sarà discusso in Rete?

pratiche pa
Abbiamo già informato, qualche mese fa, della Riforma della PA voluta dal Ministro Madia (legge 7 agosto 2015 , n. 124), alla quale mancano però ancora i decreti attuativi. Anche per l'articolo 14, che parla della possibilità di attivare  "nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa che permettano, entro tre anni, ad almeno il 10 per cento dei dipendenti, ove lo richiedano, di avvalersi di tali modalità" (in pratica il telelavoro e lo Smart Work) si è in attes...
Di più

Tech Economy fa il punto sullo Smart Work

lavoro-da-casa-produzione
Tech Economy, il magazine online dedicato all'economia della Rete, dedica un approfondito focus  al telelavoro e allo smart work. Ne esce un quadro con molte possibilità e qualche ombra (ad esempio l'isolamento organizzativo), che deriva da un management che non riesce a utilizzare a pieno le potenzialità del lavoro nella società in rete. Per leggere lo speciale cliccare qui.  
Di più

Oltre metà degli occupati vorrebbe telelavorare

uomini e donne telelavorano
E' questa la conclusione cui giunge  uno studio della multinazionale del lavoro interinale Kelly Service, che ha intervistato 164 mila lavoratori in 28 Paesi (4 mila in Italia).  Il 63% dei lavoratori italiani, infatti, pensa che siano molto più desiderabili le aziende che offrono metodi, come telelavoro e smart work, che aiutano a conciliare vita professionale e privata.  
Di più

Smart Work: un ebook gratuito

Copertina-The-Smart-Working-Book
Bisogna soltanto registrarsi e lasciare la propria email per scaricare un interessante ebook sul lavoro agile: The Smart Working Book, scritto da KOEN LUKAS HARTOG, ANDREA SOLIMENE e GIOVANNI TUFANI. Il volume affronta con chiarezza le tre B del  lavoro flessibile: BEHAVIOURS, I comportamenti. Addio ai classici orari d’ufficio e ok agli obiettivi concreti da raggiungere. L’elemento chiave è la fiducia, non il controllo. BYTES, La tecnologia. Strumenti collaborativi, molti...
Di più

Telelavoro al Comune di Torino: il punto

torino
Sono 43 i telelavoratori del Comune di Torino, e tutti i responsabili sono più che soddisfatti del lavoro che svolgono. Secondo le interviste svolte da Andrea Solimene e documentate in un articolo, si tratta di un progetto in attivo sin dal primo anno grazie ai risparmi sulla mensa, sul salario accessorio e alla riduzione di malattie e permessi. Importanti i vantaggi per l’ambiente: 186.000 km di viaggio casa/lavoro risparmiati in un anno.
Di più

Smart Work e Piattaforme Digitali

gig economy
E' stata presentata di recente alla Camera dei deputati una proposta di legge intesa a regolamentare le piattaforme digitali, cioè quei sistemi, come AirBnB o Uber, che permettono la condivisione di beni (come l'appartamento) e servizi (come lo spostamento in auto) nell'ambito di quella che viene comunemente definita "Economia della condivisione".  Nella proposta si intende soprattutto regolare i compiti e limitare il potere di chi gestisce la piattaforma, gli aspetti fiscali per chi mette a...
Di più

Uffici condivisi? In che senso?

spazi coworking
Associata all'idea di telelavoro e lavoro agile si parla spesso di Desk sharing o scrivania condivisa. Le aziende sono molto interessate al tema: poter risparmiare il 20 o 30% dello spazio, sfruttando i giorni di presenza e assenza dei telelavoratori dalla sede, specialmente nelle grandi città, è un affare non da poco. Anche le PA, che hanno l'obbligo di ridurre i costi di esercizio immobiliare, guardano con interesse alla possibilità di far condividere le scrivanie ogni volta che sia possib...
Di più

Serve una legge sul Lavoro Agile? La Fiom dice di no.

hard-work
Secondo Roberta Turi, segretaria nazionale della Fiom Cgil,  la legge proposta dal Governo sul Lavoro Agile è inutile e dannosa: basta l'accordo quadro sul telelavoro del 2004. Secondo la sindacalista «Il lavoro agile, così come pensato nella delega la governo, rischia di diventare la riproposizione del vecchio lavoro a domicilio: un lavoro di bassa qualifica svolto tra le mura domestiche, soprattutto da donne e giovani precari”. Mi sembra una posizione miope, ma contenti loro... speriamo...
Di più