Metodologia della ricerca sui 5 casi di mobile work

Nell’ambito della citata ricerca sul mobile work è stata eseguita un’analisi in profondità di cinque casi di studio. Sulla base di una iniziale desk research, è stata elaborata una lunga lista di potenziali casi in vari paesi europei; successivamente, ne è stato selezionato un gruppo per effettuare una ulteriore analisi che prende in considerazione i differenti ambienti, rami e dimensioni delle organizzazioni. Sono state richieste ulteriori documentazioni alle imprese oggetto di studio, per preparare le interviste selezionando le informazioni rilevanti. Gli informatori sono sia i decision makers e i managers, sia  gli utilizzatori regolari delle applicazioni. Le interviste durano una o due ore e costituiscono lo step finale nel processo di raccolta dei dati.
Per garantire la comparabilità dei risultati dei casi provenienti dai diversi paesi, è stata definito un orientamento generale per la conduzione delle interviste, sulla base di un benchmarking framework, che contempla otto dimensioni dell’ambiente di lavoro:

1. progressi tecnologici;

2. giudizio di valore del mobile work

3. concetto di mobilità;

4. dimensioni;

5. impatti sociali;

6. cambiamenti nell’implementazione dei processi di lavoro;

7. elementi che facilitano o ostacolano il mobile work;

8. sviluppi conseguenti.

Ciascuna dimensione è stata definita nei particolari e suddivisa in specifici set di domande per le interviste. Le dimensioni da 1 a 4 sono state utilizzate per l’analisi comparativa dei casi, dopo essere state ulteriormente specificate in gruppi di criteri e valutate con una scala Likert; quelle da 5 a 8 hanno aiutato gli autori a identificare gli aspetti relativi al successo di un ambiente di lavoro mobile.
Viene utilizzata una matrice “tecnologia-valore” per visualizzare le prime quattro dimensioni; in tal modo è possibile identificare 4 specifici settori e un set di caratteristiche e di implicazioni per ciascuno di essi consente di categorizzare i casi (Figura 1).

 

Stato dell’implementazione del mobile work, ma senza sostanziali benefici.

 

 

Rifocalizzare la soluzione mobile e incrementare il livello competitivo

Stato dell’implementazione di tecnologie mobili che generano sostanziali vantaggi attraverso la creazione di valore. 

Posizione migliore 

Mobile work non integrato, che non genera benefici per il business.

  

 
Rifocalizzare o riposizionare la soluzione adottata

Soluzione di mobile work non integrata, in grado tuttavia di generare valore, ad esempio grazie al vantaggio della prima mossa. 

 

Aumentare progressivamente le performance tecniche per migliorare la posizione 

Figura 1

I casi sono stati posizionati in uno dei quattro quadranti. Sulla base di una valutazione sistematica dei casi e del loro posizionamento, la ricerca identifica gli elementi chiave e di ostacolo che devono essere considerati per migliorare le relative posizioni lungo l’asse della tecnologia e del valore.

Print Friendly

Lascia un commento