Gli sviluppi tecnologici che facilitano il telelavoro.

Sono ormai numerose le tecnologie che favoriscono la gestione del telelavoro, che concorrono alla pluralizzazione e alla dispersione dei luoghi di lavoro all’insegna della flessibilità e dell’efficienza produttiva. L’ “Ubiquitous Computing”di cui parlava Weiser nel lontano 1991 si sta concretizzando: quel mondo popolato da oggetti intelligenti che ci consentono di accedere in qualunque luogo e momento alle informazioni di cui abbiamo bisogno sta diventando reale grazie ai progressi tecnologici. I telelavoratori mobili possono usare il cellulare per controllare le email o visualizzare pagine web; chi viaggia può accedere alla rete dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie; i partecipanti ad una conferenza possono condividere o scaricare documenti tramite i loro laptop. Ci avviciniamo alla società superconnessa, in cui le distanze sono annullate ed è tutto a portata di click!

Nuovi microprocessori, di piccole dimensioni, dai costi contenuti e dalle elevate prestazioni, rendono più agevole “portarsi in giro il lavoro”! La miniaturizzazione è l’ultima moda nel campo delle tecnologie: i devices diventano ultra small e ultra light, senza nessuna rinuncia in termini di prestazioni. Il mercato è già pieno di questi nuovi mini computer, strumenti “easy to work” adatti a tutti i business man (e non solo…). Basti pensare al McBook Air, tanto piccolo da diventare introvabile – si racconta che uno degli “esemplari”, sepolto tra le cartacce, sia stato gettato nella spazzatura…accidentalmente – o al  Mid (Mobile Internet Device) che consente una connessione costante.

Anche la telefonia mobile ha fatto passi da gigante: i nuovi modelli sono ricchi di funzioni che vanno al di là della “semplice telefonata”, e si avvicinano a strumenti multimediali che ci accompagnano nel lavoro e nella vita sociale. Si è parlato del “cellulare intelligente”, dello smartphone, un dispositivo portatile utilissimo per i telelavoratori, poiché unisce le funzionalità tipiche di un telefonino con la possibilità di navigare su Internet, di controllare le email, di aggiungere nuove funzioni installando appositi programmi applicativi. Ma l’UMTS sembra già destinato a diventare passato: sono in arrivo i telefonini di quarta generazione legati all’Hsdpa (High Speed  Downlink Packet Access), una tecnologia che consente una velocità di navigazione pari a quella che, fino ad oggi, garantivano solo i collegamenti fissi Adsl. Motorola, ad esempio, ha lanciato di recente Motorazrmaxx V6 e Motorazr V3xx, sottilissimi e dal design sofisticato; anche Nokia ha puntato sulla banda veloce con il suo 6610 Navigator, che consente la lettura in tempo reale delle email con integrata la gestione degli allegati e la possibilità della lettura vocale.

Grazie alla convergenza tecnologica, non siamo più vincolati ad un device in particolare, ma le stesse informazioni sono fruibili in maniera molto più elastica. Inoltre, i nuovi software rendono possibili forme di interazione e condivisione un tempo impensabili e arricchiscono la cassetta degli attrezzi del telelavoro con utili e stimolanti novità!
Basti pensare a Skype, il software che ci permette di chiamare gratis via Internet altri utenti di tutto il mondo, utilizzabile sia dal pc che dal cellulare. Il vantaggio di Skype? “..aprire e chiudere conversazioni senza dover interrompere ciò che stiamo facendo” (Oonagh Zeches, Online Computing). Con una connessione a banda larga, un paio di cuffie e una webcam possiamo chiamare, videochiamare e fare conferenze, funzioni molto utili se pensiamo ai telelavoratori. Ma oggi, grazie allo Sreen Sharing, un telelavoratore può presentare il risultato del proprio lavoro semplicemente condividendo il proprio desktop! Può, cioè, far visualizzare il proprio desktop al destinatario della chiamata, scegliendo se condividerlo tutto o in parte. Le soluzioni Voip, di cui Skype rappresenta un esempio, facilitano l’implementazione del telelavoro perché consentono alle aziende di risparmiare sui costi delle chiamate, di disporre di una pluralità di servizi telefonici evoluti e di comunicare in modo semplice e veloce con gli utenti remoti.

Print Friendly

Lascia un commento