Telelavoro in Internet

Accanto a quello che orami è considerato un protocollo standard per la trasmissione dei dati in Internet – il TCP/IP (Transfert Control Protocol/Internet Protocol) – negli anni ne sono stati messi a punto altri che, funzionando in ambito TCP/IP, possono essere utilizzati per realizzare alcune forme di telelavoro: basti pensare all’HTTP (Hyper Text Transfer Protocol), usato come principale sistema per trasmettere le informazioni sul web.
Il protocollo può essere particolarmente utile per mettere a disposizione dei telelavoratori sia documentazioni e servizi – circolari, banche dati, comunicazioni di servizio, forum ecc. – sia files e programmi senza dover  utilizzare Internet – in tal caso si crea una BBS (Bullettin Board System) cui accedere tramite un browser web ma senza l’intermediazione di un Internet Service Provider. La prima soluzione è stata adottata, ad esempio, dalla Logos, una multinazionale che si occupa di traduzioni e che ha messo a disposizione dei propri traduttori testi già tradotti e un dizionario online, consultabili su Internet digitando l’indirizzo http del sito aziendale. Nel secondo caso, invece, il telelavoratore non avrà bisogno di stipulare un contratto di connessione ad Internet e la BBS potrà essere organizzata  esattamente come un normale sito web, accessibile direttamente dal proprio pc e con il proprio modem.In entrambi i casi, i contenuti possono essere condivisi tra tutti gli utenti della rete o resi accessibili solo ad alcuni di essi, identificati sulla base  dell’indirizzo IP o del nome utente e password. 

Con il Telnet, invece, attraverso un’interfaccia a caratteri, è possibile agire su un computer remoto sfruttandone le risorse proprio come se fosse il nostro computer locale.

Il File Transfer Protocol, FTP, è un protocollo per il trasferimento di files tra computer remoti collegati in rete. Attraverso l’FTP è possibile inviare e scaricare file in modo efficace e condividere dati tra terminali remoti.

Il Network News Transfer Protocol, NNTP, è il protocollo alla base dei newsgroups, mentre il POP3 e lo SMTP sono i protocolli standard per l’invio e la ricezione delle email. Chat e posta elettronica sono strumenti importanti per i telelavoratori: nel primo caso, si consente una comunicazione in tempo reale e a basso costo tra più utenti collegati ad Internet; nel secondo si possono inviare e ricevere testi e allegati in pochi minuti e non è necessario essere connessi per ricevere le email, dal momento che queste vengono archiviate sul server del provider.

Le imprese possono utilizzare questi protocolli per gestire il telelavoro, ma possono anche crearne dei propri o optare per modalità di trasmissione dei dati alternative ad Internet.

Print Friendly

Lascia un commento