Qualche numero sullo smart working

Ad usufruire del Lavoro Agile - secondo i dati del Politecnico di Milano -  sono  il 7% dei lavoratori dipendenti, circa 250.000 persone tra impiegati, quadri e dirigenti. Ma in base a una ricerca condotta in collaborazione con Doxa  gli  smart worker sono più soddisfatti rispetto alla media dei lavoratori:  il 35% è più sereno. Inoltre il  lavoro “agile” consente di sviluppare maggiori abilità e conoscenze propedeutiche a un’evoluzione professionale che viene valutata “eccellente” dal 41% degli...
Altro

Comune di Torino: un bilancio del telelavoro

Sono 43 i telelavoratori del Comune di Torino, ma sinora hanno evitato di percorrere 187 mila km e hanno fatto risparmiare all'Amministrazione circa 90 mila euro soltanto di permessi e assenze per malattie. I dati di dettaglio sono qui. Invece alcuni consigli pervenuti dai dipendenti per migliorare il lavoro si trovano in questo sito web.
Altro

Telelavoro: tornano le profezie bizzarre sul suo sviluppo

Il Sole 24 Ore riporta oggi alcune profezie sullo sviluppo futuro del telelavoro, contenute nel Rapporto Future of Jobs (attenti: pesa circa 10 Mb)  presentato a gennaio a Davos al meeting del WEF. Secondo tale rapporto (almeno nella semplificazione adottata dal giornale) nel 2020 la metà delle persone lavoreranno da casa: e quindi il telelavoro trionferà. Ne sarei molto felice, ma purtroppo, dall'alto dei miei oltre 20 anni di studio del telelavoro, ne dubito fortemente. Come ho avuto mo...
Altro

Il telelavoro difficile della Pubblica Amministrazione

Nella Pubblica Amministrazione solo in 2% dei dipendenti può farlo. E' quanto risulta da uno studio dell'università di Tor Vergata. Numeri che raccontano  un ritardo tutto italiano verso l’adozione di una modalità di lavoro più moderna, nonostante l’Italia abbia sfornato ben tre leggi, dalla prima targata Bassanini del ‘98, passando per il Decreto legge 178 del 2012, fino al più recente Jobs Act, che sulla carta favoriscono lo smart working. Leggi qui l'articolo
Altro

Quanti telelavoratori in Italia nel 2015?

In base alle ultime statistiche, nel nostro Paese i telelavoratori sono uno sparuto grappello. Si parla di una quota compresa tra il 2,3% (fonte: DasyTec) e il 5% (fonte: Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano) del totale degli occupati. Dati che ci pongono all’ultimo posto in Europa, dopo la Slovenia e la Lituania. Ma va detto che misurare il numero dei telelavoratori è come misurare la lunghezza di un elastico: dipende da quanto lo tendiamo. Cosa int...
Altro

Telelavoro in Italia: piace alle persone, un pò meno alle imprese.

 Gli italiani sembrano convinti: il telelavoro piace, se ne riconoscono i vantaggi e si accolgono con favore proposte in questa direzione. A rivelarlo è un’indagine commissionata da Avaya e condotta dalla Dynamic Markets: i dati raccolti nel “Flexible Working 2009” su un campione di 3500 lavoratori europei (tra cui italiani, francesi, spagnoli, tedeschi e inglesi) mostrano, infatti, che il telelavoro gode di un’ottima “reputazione” nell’immaginario collettivo. L’82% dei lavoratori italiani è co...
Altro

Statistiche telelavoro.

La crescita della popolarità del telelavoro è parallela allo sviluppo di alcuni trend sociali, che includono il passaggio ad un’economia basata sui servizi e sull’informazione; la necessità delle imprese di poter contare sia su una maggiore flessibilità del lavoro sia di una partecipazione più intensa del lavoratore alle decisioni operative importanti, nonché l’esigenza di affrontare il crescente costo dei viaggi di lavoro. Una conferma di questa maggiore popolarità si riscontra nel fatto che, ...
Altro

Il telelavoro nelle PMI.

Le piccole e medie imprese rappresentano una realtà importante, che la Commissione Europea ha descritto come “la spina dorsale” dell’economia europea: “…Esse rappresentano il 99% di tutte le imprese dell’UE e creano circa 65 milioni di posti di lavoro. Producono ricchezza, promuovono nuove idee e sono una risorsa chiave per nuovi posti di lavoro. Utilizzando le ICT e in particolare l’e-business, le PMI hanno più opportunità di crescita: sono in grado di comprare e vendere su Internet, di ridurre...
Altro