Senato approva definitivamente Legge sul Lavoro Agile

La proposta sul Lavoro Agile, dopo 16 mesi di analisi e discussioni, è stata approvata il 10 maggio 2017  in terza lettura dal Senato. In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ecco il link dove è possibile leggere il testo definitivo (a destra) rispetto a quello proposto in origine (a sinistra).  La legge, nella prima parte, tratta del lavoro autonomo. La II parte sullo smart work inizia dall'articolo 15. Sul Sole 24 Ore i primi commenti.
Di più

Il Lavoro Agile favorisce davvero la conciliazione?

Un interessante articolo di Anna Rita Tinti sulla rivista Il Mulino, analizzando le proposte di legge presenti attualmente in Parlamento (uno di iniziativa governativa e l'altro di vari Senatori del Centro Destra)  ragiona attorno all’idoneità del «lavoro agile» a farsi veicolo di una migliore conciliazione fra tempi di lavoro e tempi personali/di cura. Il rischio è che i destinatari del lavoro agile possano essere indotti, per aumentare la produttività, a rinunciare ad altri diritti (quali i pe...
Di più

Il regolamento sul lavoro agile nella PA sarà discusso in Rete?

Abbiamo già informato, qualche mese fa, della Riforma della PA voluta dal Ministro Madia (legge 7 agosto 2015 , n. 124), alla quale mancano però ancora i decreti attuativi. Anche per l'articolo 14, che parla della possibilità di attivare  "nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa che permettano, entro tre anni, ad almeno il 10 per cento dei dipendenti, ove lo richiedano, di avvalersi di tali modalità" (in pratica il telelavoro e lo Smart Work) si è in attes...
Di più

Smart Work e Piattaforme Digitali

E' stata presentata di recente alla Camera dei deputati una proposta di legge intesa a regolamentare le piattaforme digitali, cioè quei sistemi, come AirBnB o Uber, che permettono la condivisione di beni (come l'appartamento) e servizi (come lo spostamento in auto) nell'ambito di quella che viene comunemente definita "Economia della condivisione".  Nella proposta si intende soprattutto regolare i compiti e limitare il potere di chi gestisce la piattaforma, gli aspetti fiscali per chi mette a...
Di più

DDL su lavoro agile: l’opinione di due giuriste

Sostanzialmente positivo il parere sull DDL del Governo delle giuriste Giulietta Bergamaschi e Serena Muci, dello studio legale Lexellent, intervistate da UrbanPost. Infatti la proposta chiarisce "che il lavoro agile si concretizza nell’ambito di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e, pertanto, le garanzie accordate ai “dipendenti in lavoro agile” devono essere le medesime riconosciute ai lavoratori tradizionalmente seduti ad una scrivania all’interno dell’azienda. Il rappor...
Di più

Un DDL sul Lavoro agile di cui non si sentiva il bisogno

E' stato presentato al Senato, il 3 febbraio scorso, un Disegno di legge d’iniziativa dei senatori SACCONI, D’ASCOLA, MARINELLO e PAGANO, dal complesso titolo "Adattamento negoziale delle modalità di lavoro agile nella quarta rivoluzione industriale". Un testo che seppur voglia apparire dedicato al lavoro agile confonde molto le acque. Cerchiamo di capirne quelli che a me sembrano i punti più deboli: Anzitutto si definisce il lavoro agile come una specie di lavoro a progetto (peraltro...
Di più

Ma davvero non esiste una legge sul Telelavoro?

Sembra impossibile, ma si: nel settore privato non esistono leggi che regolano il telelavoro. Non è che non ci sia provato: nel 1996 da questo sito Web e dalla discussion list ad esso associata fu proposta una legge di incentivazione al telelavoro. La proposta arrivo' davvero in Parlamento grazie ai deputati Sciacca e Nappi e fu la prima presentata in Italia. Poi il numero di disegni di legge che intendevano regolare, normare o incentivare il telelavoro è cresciuto. Eccoli qui: Proposta ...
Di più

Ma quale legge permette il telelavoro?

Di tanto in tanto alcune imprese mi contattano per chiedermi a fronte di quale legge l'azienda puo' attivare il telelavoro per i propri dipendenti, nelle diverse configurazioni (domiciliare, mobile, da centro di Co-Working pubblico) senza incorrere in sanzioni varie. La risposta è semplicissima:  Il telelavoro e lo smart work NON sono coperti in Italia da una specifica legislazione che ne prescrive i metodi e le regole di applicazione. Fa eccezione il settore pubblico, ove il legislatore ...
Di più

Ma una legge sullo Smart Work è davvero indispensabile?

Se lo chiedono in questo articolo due esponenti della FIOM-CGIL, che temono che "Lo smart working potrebbe rappresentare l’ennesimo cavallo di Troia per destrutturare, in nome dell’innovazione tecnologica e organizzativa, la prestazione,  riproponendo la vecchia attività a domicilio di bassa qualifica". Dubbio corretto, ma non dovrebbe essere proprio il sindacato che deve operare affinchè ciò non accada? Se il sindacato fa bene il suo mestiere  dai nuovi metodi di lavoro si potrà ottenere il...
Di più